UOMINI E AUTO:
FEDERICO BURATTI, TRA SPORT E GLAMOUR

Ha un nome famoso nell’imprenditoria tessile, ed è molto conosciuto nel mondo delle auto d’epoca per la sua passione che in trent’anni lo ha portato ad avere una collezione di prestigio e quasi esclusivamente di auto sportive. Federico Buratti, originario di Biella e titolare della Filatura omonima specializzata in filati in pura seta, è particolarmente legato a due “gioielli” che sognava sin da ragazzo. Molto diversi tra loro, uno essenza del lusso e del design, l’altro con un’anima grintosa e sportiva.

La prima arriva nella collezione di Federico nel 2000: una splendida Mercedes-Benz W 198 “ali di gabbiano” (Gullwing). Federico la individua in Germania, restaurata, sempre rimasta in Europa e con primo proprietario inglese. E’ del 1956 ed è proprio come la sognava: nera con gli interni rossi e con un optional molto raro per l’epoca: ruote a gallettoni. Un pezzo importante che raramente esce dal garage, solo per le manifestazioni più blasonate. Ma Federico, dietro un’aria tranquilla e riflessiva, nasconde un carattere molto vivace e il glamour non gli basta. Vuole sentire il rombo dei motori e l’adrenalina che solo una Lancia Strato’s ti può dare specialmente poi se è una vera Strato’s Gr.4. Più volte fa visita al suo amico meccanico di Biella dove in passato nel suo garage di Strato’s ce ne sono sempre state tante e finalmente nel 2006 il colpo di fortuna. Una Lancia Strato’s del ’75 subito trasformata in Gr 4 e che ha un importantissimo passato storico, in perfette condizioni e fresca di un ottimo restauro fatto proprio da officine specializzate nella preparazione di queste macchine. Federico riesce a farla immatricolare a suo nome in UK e può guidarla senza problemi su tutte le strade, anche del Biellese. “Certo sulla velocità mi trattengo” – ammette – ma i suoi occhi non nascondono l’entusiasmo di chi guarda a queste auto come fossero degli autentici gioielli di famiglia.